Saggio di Primavera 2013

Sabato 1 Giugno 2013

Palazzetto dello Sport:

“SIGNORE E SIGNORI  buonasera, e benvenuti alla 5a edizio

ne del Saggio di Primavera, organizzato dall’associazione PANDORA  A.S.D”

Anche quest’anno sono l’emozione e la voglia di divertirsi di tutti e di ognuno che dominano la scena!

I protagonisti indiscussi sono stati  loro: 

atleti, allievi e maestri delle varie discipline proposte da Pandora, che si sono superbamente esibiti per regalare al folto pubblico presente sugli spalti, una serata ricca di spettacolo.

Non potevano certo mancare gli allievi del corso di karate, capitanati dal loro maestro Giorgio Sironi, che dai più piccoli (4 anni), ai più grandi (scuole medie) si sono presentati rapidi, attenti e disciplinati in un ingresso pieno di energia e tecnica... tra ruote, capovolte, calci, pugni e parate… dimostrando quanto attraverso il gioco finalizzato e il divertimento, si possano apprendere e affinare tecniche specifiche ed esercizi determinati… insomma… ”Crescere Giocando”…

Sfoggiando i classici candidi kimono e le cinture colorate, che indicano il KYU, ovvero il grado raggiunto, si sono poi disposti in linea, pronti a cimentarsi nei KIHON o FONDAMENTALI, tecniche di base eseguite con difficoltà diverse in relazione all’età e al grado.

Curiosità: i gradi o “KYU”, vanno dal 10° (cintura – OBI - bianca), al 1° (cintura marrone), passando dalla cintura gialla, arancio, verde e blu… quale iniziano per gli atleti nuovi percorsi, i DAN.

Dopo  un ingresso vivace e incalzante e un’esibizione di gruppo decisamente d’impatto, i piccoli hanno mostrato al pubblico un percorso  a stazioni miste, strumento per far prendere coscienza del proprio corpo e insegnare loro i primi rudimenti delle tecniche che poi incontreranno nei khion; percorso affrontato con determinazione e divertimento da tutti… anche dai cuccioli di soli 4 anni.. che hanno suscitato la simpatia e l’ammirazione  di tutti!!!

Non potevano certo mancare le dimostrazioni dei KATA.

Curiosità: i KATA o FORMA, sono un insieme di combinazioni di tecniche che simulano un combattimento contro un nemico immaginario

Gli allievi, divisi per grado, hanno presentato kata diversi, che aumentano di difficoltà, dettagli e rigore in base all’età e richiedono via via una maggiore coordinazione psico-fisica, dovuta alla complessità tecnica dell’esercizio stesso.

Mentre i più piccoli si son esibiti sotto la guida attenta e appassionata del maestro Giorgio, i più grandi hanno dato prova di autonomia e coraggio, eseguendo i kata, senza l’aiuto del maestro!

Il gruppo delle cinture marroni, invece ha offerto uno spettacolo davvero insolito e accattivante. Sotto l’occhio attento e rigoroso della loro splendida e capace “aspirante allenatrice” Denise, :-)..  i magnifici 8 hanno presentato un emozionante “Sound Karate: perfetto connubio tra karate e musica, che armonizza, appunto, le tecniche del karate con uno spazio musicale, in cui l’esecuzione delle tecniche con l’ausilio della musica, assume ancor più efficacia ed è più facilmente decifrabile dallo spettatore! Richiede precisione, accuratezza e sincronia di gruppo… I ragazzi (tra i 10 e i 12 anni) sono stati straordinari (non solo agli occhi dei genitori forse più emozionati di loro…) e hanno ricevuto un caloroso e meritato applauso …

E poi ancora “lotta a terra” per gli atleti del karate: un gioco a coppie eseguito a terra, molto apprezzato da tutti… e per tutti.. e con “tutti”, intendiamo proprio tutti, dai piccoli e grandi.. che hanno potuto provare l’esercizio, divertendosi… non poco!

Dalla lotta a terra si è passati al KUMITE (tecnica di combattimento): gli allievi hanno mostrato diversi livelli di esecuzione.

Per i più piccoli è sempre sotto forma di gioco ed è vietato ogni contatto fisico; per i più grandi, le difficoltà aumentano , ma è possibile dare spazio alla creatività e alla fantasia motoria dei ragazzi, sempre nel rispetto di regole di combattimento più severe e rigide. Ogni volta che si pratichi il kumite, è necessario indossare le protezioni per garantire una maggiore sicurezza.

Anche gli adulti del corso di karate hanno emozionato e calamitato l’attenzione del pubblico presente… eseguendo kata superiori con le rispettive applicazioni (BUNKAI), trasformando così l’immaginario combattimento in realtà…!

E così abbiamo assistito sul tatami ad azioni di attacco, difesa, messa a terra dell’avversario, a mani nude o con i bastoni (BO) o pugnali in legno… che han suscitato l’entusiasmo dei bambini presenti.. che facevano un acceso tifo i!!!!

Infine, si è esibito il maestro Giorgio, in un kata superiore, senza musica di sottofondo per sottolinearne la “forza” e la “profondità”, sotto gli occhi ammirati e incuriositi dei suoi allievi.

Gli atleti del corso di karate hanno ricevuto, poi, un regalo speciale per il loro impegno, la loro costanza, il loro essere gruppo: una bandiera che li identifichi come squadra, a tutti gli effetti … perché si allenano, imparano, giocano, crescono insieme come una squadra!!

Prima dei saluti finali … il maestro ha ricevuto dai suoi  allievi un dono a sorpresa, davvero speciale: ognuno di loro ne ha fatto un pezzettino … fatto di colore, di calore, di parole, di gioia e allegria… per dire tante cose, una su tutte:”GRAZIE”, non solo per come, maestro, insegni attraverso ciò che sai, ma anche e soprattutto attraverso ciò che sei!  Se volete sapere se al maestro è piaciuto…. chiedeteglielo!!

All’anno prossimo, dunque…. con nuove esibizioni e … vecchie tradizioni: “Siamo in ritardo … prepara lo stereo … sposta le casse … accendi  il microfono … spegni il microfono … manca il materiale … recupera il materiale .. metti gli  attrezzi …. togli gli attrezzi … metti il tatami … togli il tatami … sistema il buffet…dov’è il maestrooooo?!?”

 

 

Contatti

Articoli vari

Galleria Fotografica

Login Form

Seguici...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione